Home

ALIMENTAZIONE E BENESSERE

Alla base della nostra salute ci deve essere una sana e corretta alimentazione ma prima ancora l’educazione ad un corretto comportamento alimentare. Mangiare è un atto ricco di significato che va oltre il soddisfacimento fisiologico. La composizione di una dieta ed i suoi rapporti con il fabbisogno energetico e con le sue necessità per l’accrescimento, lo sviluppo psico-fisico, la risposta alle malattie, devono essere considerate le variabili più importanti nel condizionamento di un buono stato di salute, o meglio, di una qualità di vita ottimale. Il concetto di dieta necessita quindi di una giusta definizione, in quanto non va intesa come astinenza al cibo per dimagrire ma come stile di vita. Nella sua più ampia e concreta accezione la dieta non comprende sola la cosiddetta razione alimentare, cioè il quantitativo alimentare in senso stretto, ma anche ogni possibile variazione della razione stessa, le modalità di cottura e di preparazione dei cibi, il numero ed il ritmo dei pasti nell’arco della giornata e la presentazione dei piatti.

E’ fondamentale intervenire sugli attuali modelli alimentari alla cui base ci sono ancora eccessi di proteine, soprattutto animali, eccessi di grassi, in particolare quelli saturi, scarsa presenza di carboidrati con eccesso di zuccheri a rapido assorbimento, che minano silenziosamente il nostro benessere. In particolare, la “prevenzione a tavola” deve iniziare già dall’infanzia e diventare patrimonio della cultura personale di ogni essere umano.

E’ utile, dunque, intervenire su questi modelli errati introducendo a tavola modifiche concrete fatte di controllo delle porzioni, maggior consumo di frutta e verdura, riduzione dei grassi e gestione oculata di spuntini e bibite zuccherate. La cattiva alimentazione causa ogni anno un numero sempre crescente di malattie quali diabete, malattie cardio-vascolari, obesità e tumori.

La prevenzione di diverse patologie inizia a tavola.